English versionSeahorses
Version françaiseHippocampes
Versión EspagñolaCaballitos de mar
Deutsche versionSeepferdchen
Verzione ItalianoCavallucci Marini
Nederlandse verzieZeepaardjes
Versão portuguesaCavalos marinhos

sound

Cavallucci Marini

Troverete in questo sito quasi ciò che si deve sapere per un mantenimento corretto di ippocampi in acquario e per gli esperti, sull'allevamento degli ippocampi neonati.

Pagina principale
Acquario
Mantenimento
L'allevamento
Plancton
La malattia
Specie
Acqua dolce
Video
Galleria
Protezione
Commerci/Libri
Links

Acquario

© immagine 07 Cavallucci marini © immagine 08 Cavallucci marini © immagine 09 Cavalluccio marino © immagine 26 Cavalluccio marino © immagine 44 Cavalluccio marino © immagine 27 Cavallucci marini


I molti lavori che trattano dell'installazione di un acquario marino sono anche validi per la tenuta di una vasca destinata agli ippocampi. È dunque inutile riprendere in dettaglio questo punto.

Invece, occorre rilevare che una vasca di una capacità di 100 litri è normalmente un minimo per detenere circa 2 o 4 ippocampi, ma richiede una manutenzione meticolosa. Il cavalluccio marino che misura 20 cm o più, richiede un acquario di 200 litri minimo. L'ideale sarebbe una vasca di 300 litri per una quindicina di ippocampi. Evitate capacità più grandi per garantire un'intimità ai cavallucci marini che non hanno neppure bisogno di uno spazio enorme in cattività e così facilitare loro la ricerca di prodotti alimentari. Più il volume è grande, più facile è la manutenzione. L'acquario sarà alto e lungo (la larghezza non importa). D'altra parte, è imperativo che i vostri ospiti, che si situano fra le specie marine più fragili, si sentono perfettamente a loro agio e beneficino quindi di una sistemazione adeguata. Di conseguenza, grandi ciuffi di caulerpa e altre piante sono raccomandati. Adorano appendersi e camuffarsi. Gli organismi presenti sembrano anche essere di un grande interesse a titolo di prodotti alimentari vivi. Occorre soprattutto evitare ogni pianta irritante o che può catturare e ferire i cavallucci marini. Di giorno le piante producono l'ossigeno (O2) ed assorbono l'anidride carbonica (CO2), ma la notte assorbono l'ossigeno come gli animali il PH diminuisce. La decorazione dovrà anche comprendere molti altri elementi abbastanza fini che permettono loro di appendersi con la coda, ad esempio: albero di corallo morto, gorgonie, pietra poco spesse con cavità che possono attraversare, "Aquaroche" (pietra fabbricata artificialmente), anche le piante con rami fini in plastica sono apprezzate (soprattutto dai piccoli). Evitate gli oggetti aguzzi o ogni altro che dalla sua forma potrebbe essere affilato. L'ippocampo passa una parte della sua vita sospeso o fissato a tutto ció che può ! Piccoli ripari sono eventualmente da sistemare. Quanto alle pietre vive, possono risultare graditi, ma non sono di una necessità imperativa ed anche spesso pericolose. La quarantena è naturalmente di rigore. Il cavallo di mare adora girare alla ricerca di prodotti alimentari, poiché il suo appetito è insaziabile. La sua curiosità è anche in gran parte stimolata. Tuttavia, come lo precisano alcuni autori, non sappiamo mai quali organismi, che hanno eletto domicilio in queste pietre, importiamo nei nostri acquari, alcuni potrebbero essere molto sgradevoli, fino ad essere anche mortali (granchi, sanguisughe, verme di fuoco, hydroids, aiptaisias ecc.). Attenzione, il granchio ed altri crostacei sono il più grande nemico degli ippocampi. In mare c'è anche un pinguino: l'Eudyptula minor ed il pesce: Antennarius striatus ad esempio . Una vigilanza ed un'osservazione particolare di giorno come di notte si impone dunque quando l'abitazione di un ippocampo è interessata, questo in base al suo comportamento individuale. Gli elementi di metallo sono da evitare. Preferite le plastica ed ogni oggetto naturale in provenienza dal mare. La vostra immaginazione farà il resto. Evitate di riattaccare un acquario di cavallucci marini ad una vasca recifale per facilità. Un acquario di cavallucci marini deve restare un luogo isolato.

Per quanto riguarda la filtrazione dell'acqua, non esitate a mettere il meglio in opera per garantire una qualità d'acqua adeguata ai cavallucci marini che sono molto sensibili a qualsiasi alterazione del loro ambiente. Non provocate neppure troppo una forte circolazione dell'acqua con pompe fuori misura nel flusso. Le correnti troppo violente non sono affatto apprezzate. Un flusso di circa 600 a 800 l/l'ora per un volume di 100 litri (cioè circolazione di circa 6 a 8 volte la capacità in acqua, tenendo presente ogni pompa) è normalmente sufficiente. Una pompa che ha uno sforzo per fornire (ad esempio collegata a lunghi condotti) non raggiunge la capacità indicata dal fabbricante. Dirigete il rigetto delle pompe, filtri ecc. in modo da conservare la vostra vasca più quieta possibile. Se l'ippocampo vuole della corrente, andrà a cercarla lui stesso quando lo desidererà . Mettete invece una buona qualità e quantità di elementi filtranti, come ad esempio prato filtri, carbone (che deve essere cambiato molto spesso, 1 volta alla settimana), uno o più filtri biologici (in funzione della quantità del loro spessore e della loro dimensione). Una grande capacità di filtrazione non è mai nociva, al contrario. Esistono molti sistemi di filtrazione (ad esempio filtri a decantazione interna o esterna, filtro interno sotto sabbia, filtro esterno a sabbia, filtro esterno secco/umido...). La DSB (Deep Sand Bed= sabbia viva) associato a pietre vive sembra essere un metodo di filtrazione di moda di oggi. Come le pietre vive, non si sa che organismi saranno introdotti nella sabbia. Non lo consiglierei ! Il metodo Jaubert è anche da escludere.

Un corsaro può risultare utile, che non necessita in caso di molta manutenzione regolare e frequente, ma di un grande aiuto dopo trattamenti medicali. In ogni caso, utilizzarlo puntualmente e non in modo permanente, il che potrebbe causare un brodo di coltura in caso di malattia dichiarata. Invece, uno sterilizzatore UV è fortemente consigliato per tutte le vasche marine in prevenzione della malattia. Per un acquario di 100 litri l'illuminazione dovrà essere di 36 Watt minimo, cioè due neon di 18 Watt e comprendere un riscaldamento di 100 Watt. Illuminazione da 8 a 10 ore durante il giorno, occorre rispettare il ciclo del sole poiché alcuni rituali come la nascita avvengono presto la mattina.

Attendere 2 a 3 mesi infine che l'acquario sia pronto e che la flora dei batteri siano in stabilita.

Pietra viva
© immagine  38 Pietra viva
Acquario/Caulerpa
© immagine 63 Acquario/Caulerpa
Aquarium
© immagine 73 Acquario/Caulerpa
Gorgonie
© immagine 34 Gorgonie

L'aerazione

I pareri sono controversi quanto all'utilizzo di diffusori d'aria, realmente imperativi quando l'ossigeno presente è insufficiente in un acquario marino (morte garantita), soprattutto in caso d'aumento della temperatura (in estate ad esempio). Parassita a volte, poiché è vero che gli ippocampi possono inghiottire l'aria così prodotta, sia da ricreazione, sia tenendosi sotto per tentare di curarsi (in caso di malattia), cosa che potrebbe causare la morte con troppo grande assorbimento. Ho avuto soltanto di rado alcuni ippocampi che hanno avuto la cattiva idea di ingerire troppo una grande quantità in cure, cosa che ha causato bolle gassose sulla coda (o un embolia mortale in fase molto avanzata). Normalmente ciò succede soltanto quando qualcosa non va, è dunque necessario cercare la causa principale. Che si tratti degli adulti o degli avannotti, intelligenti di natura, hanno normalmente, il riflesso di liberare la loro testa del getto d'aria, poiché gradiscono avvicinarsi senza abuso. I diffusori sono inoltre un mezzo eccellente per individuare una malattia eventuale presente nell'acquario. Invece, non occorre mai metterli sotto la ghiaia, poiché alcuni ippocampi potrebbero confondere le grandi bolle liberate con prodotti alimentari.

Occorre anche assicurarsi che le mini-bolle formino una colonna diritta, che porti in superficie e non si diffonde nell'acquario (dando all'acqua un aspetto di nuvola). La migliore soluzione è di metterli sopra il suolo alla verticale, affinché solo le bolle molto fini sfuggano, e di allontanarle al massimo della corrente causata dai filtri e pompe. Occorre rilevare che questo sistema d'ossigenazione non è più efficiente, poiché limita l'aria ambientale nell'acquario, cioè soltanto circa 21% d'ossigeno (O2) contro il 79% d'azoto (NH2). Occorre dunque utilizzare pompe a grande flusso.

Tuttavia, esistono diversi mezzi d'ossigenazione più efficienti. Personalmente non ho alcun problema con i sistemi elementari. Una buona aerazione favorisce la trasformazione degli elementi tossici (NH3-->NH4-->NO2-->NO3). Gli altri parametri dell'acqua saranno sopportati, durezza, PH, ecc.

Alcuni tipi di filtri, come i sistemi secchi/umidi o semi-umidi, contribuiscono dell' ossigenazione dell'acquario. Le piante favoriscono così l'ossigenazione durante il giorno.

Sotto il getto 
d'aria

© immagine 10 sotto il getto d aria
Sotto il getto 
d'aria

© immagine 11 sotto il getto d aria

Aria

© 65 sotto il getto d aria

Parametri dell'acqua, la manutenzione

Per le specie che vivono in acque tropicali, un tasso di salinità intorno ai 1021 è ideale (30-33 g/l). I limiti da non superare sono di 1023 verso l'alto e 1020 verso il basso (in caso di malattia dichiarata). La densità deve essere controllata ogni tanto. Come gli altri parametri da rispettare, nessuna variazione deve intervenire brutalmente, il che potrebbe disorganizzare il sistema immunitario dei vostri pensionanti e condurre ad una malattia. Aggiungete gradualmente l'acqua dolce (alla stessa temperatura) in caso di tasso troppo elevato e al contrario del sale di mare in caso di troppo debole concentrazione. La temperatura più apprezzata dai cavallucci marini si situa intorno ai 26 gradi, essendo il minimo raccomandato di 24 ed il massimo sopportato di 30 (caso frequente in estate). Le variazioni brutali sono anche da evitare.

Per le specie che vivono in acque subtropicali, normalmente un tasso di salinità vicino a 1021-1025 ed una temperatura di 22 gradi sono da mantenere, massimo sopportato 25 gradi.

Per le specie che vivono in acque temperate, normalmente un tasso di salinità vicino a 1027 ed una temperatura di 19 gradi sono da mantenere, massimo sopportato 22 gradi.

Qualsiasi inquinamento dell'acquario o modifica di parametri (PH, alcalinità (8,2-8,4 - THCA o KH (8,0) -, ecc. sono da prevenire o devono, se necessario, essere eliminati. I tassi massimi d'ammoniaca (NH3), ammonio (NH4), nitriti (NO2) nitrati (NO3) e fosfati (PO4) descritti cosi sopportati in media dai pesci non lo sono inevitabilmente con gli ippocampi. Il meglio è di mantenere un'acqua di qualità (0 mg/litro - ammoniaca (NH3), ammonio (NH4), nitriti (NO2), fosfati (PO4) < à 0,5 mg/litro), con contributi nuovi frequenti e regolari. (Potete conservare un debole valore in nitrati (NO3), elemento meno pericoloso, per mantenere le piante che curano, in caso contrario deperiranno).

Per un acquario normalmente popolato, un cambiamento d'acqua settimanale del 10% è ragionevole (eccetto in caso di buon'autogestione di grandi acquari; dove un rinnovo ogni 15 giorni, o tutti i mesi è certamente più che sufficiente).

In caso di necessità , non esitate a ricorrere ad altrettanti rinnovi intervallati da 2 a 4 giorni almeno. Gli ippocampi li sopportano molto bene poiché vi si portano rigore e precisione. In occasione di grande urgenza, evitate un cambiamento di più del 50% della capacità in una sola volta, ma eventualmente anche un 100% sarà meglio sopportato che per altri fattori di squilibrio. Fate tuttavia in modo che il ciclo di nitrificazione non sia perturbato e ciò con un'aggiunta proporzionale di batteri depuratori, o riseminamento.

Indipendentemente dal volume da cambiare, sempre preparare la sua acqua di mare 24 ore in anticipo in un recipiente in plastica neutrale, riservata a questo solo impiego (per ex, sigillo, bidone alimentare, fustino da campeggio ecc...) o un serbatoio in vetro; l'acqua corrente calda o tiepida è inadeguata, solo l'acqua fredda è raccomandata. Utilizzare un sale marino molto di buona qualità, disponibile soltanto nel commercio specializzato.

Per essere sicuro di ottenere un'acqua completamente conforme, necessità primaria per i cavallucci marini, verificare sia libera da cloro, da piombo ed altre sostanze nocive che possono trovarsi nella nostra acqua corrente, la soluzione consiste nell'aggiunta di un condizionatore d'acqua venduto nel commercio acquariofilo o eventualmente di procurarsi l'acqua di osmosi, se la vostra acqua corrente non corrisponde ai criteri necessari all'acquarofilia (durezza, PH 8,2-8,4, magnesio, calcio ecc.) portare sempre l'acqua preparata in anticipo alla temperatura ed alla densità della vasca. La frequenza e norme di pulizia sono identiche a quelle consigliate per le altre vasche corallifere (prato filtri 1 volta alla settimana, filtri 1/3 della massa filtrante 1 volta al mese, carbone cambiamento 1 volta alla settimana; si nota che un carbone saturato scarica improvvisamente le sostanze tossiche nell'acquario). È necessario per prevedere pulire 1/4 della sabbia 1 volta per mese o tentare di introdurre anche delle lumache come lo strombus che mangia i sedimenti.

In caso di comparsa o di proliferazione di alghe indesiderabili (verdi = non pericolose ma scomode e poco estetiche, rosse, brune et blu = pericolose) ciò è dovuto al disequilibrio del vostro acquario. Bisogna rapidamente eliminare queste alghe, poiché in caso di crescita abbondante queste liberano delle sostanze nell'acqua e riducono lo stato di salute degli acquari. La stessa prudenza deve essere osservata per le piante ed alghe superiori che non devono in nessun caso colonizzare un acquario.

Diversi fattori sono responsabili dei quali ecco i principali :

  • Troppa o scarsa luminosità (adattare il tempo o la potenza d'illuminazione);
  • Scarsità di ossigenazione (verificare l'ossigeno presente nel vostro acquario);
  • Inquinamento dell'acqua, PH, KH o altri fattori in disequilibrio (verificate tutti i parametri della vostra acqua et fate dei cambi d'acqua frequenti - strappare manualmente le alghe indesiderabili - spazzolare il decoro);
  • Cattiva miscelatura o circolazione dell'acqua, a causa di pompe e filtri sotto-dimensionate o non adatte (rivedere l'installazione);
  • Installazione generale mal concepita (rivedere tutta l'installazione);
  • Non conformità dell'acqua del vostro rubinetto o presenza di silicium (in tal caso utilizzare acqua di osmosi);
  • Troppo molta immondizia o sovrappopolazione (mancanza di manutenzione).
Indipendentemente dal mezzo utilizzato, sorvegliate in modo permanente le proprietà della vostra acqua. Un acquario sano oggi, può essere popolato di animali malati in seguito. Nel caso degli ippocampi, è senza dubbio una delle esigenze vitali. È meglio anticipare in gran parte, che di dovere ricorrere al mestolo, occuparsi e curare è senza dubbio il più grande rompicapo che deve affrontare l'acquariofilo.

Acclimatazione

Acclimatato bene
© immagine 69 Cavalluccio marino
In buona salute
© immagine 72 Cavallucci marini
In buona salute
© immagine 70 Cavalluccio marino

L'acclimatazione si svolge in più fasi.

Se possibile costituire la popolazione dell'acquario in una sola volta. Ogni volta che ci sono dei nuovi arrivi, può essere stressante anzi ancor più per gli anziani pensionati dell'acquario.

Riservare un acquario eclusivamente ai cavallucci marini con un ambiente adeguato, non mischiare una vasca recifale a quella dei cavallucci marini. Con una bellezza recifale, ci vuole spesso il bisogno di cavallucci marini.

Se poi c'è la presenza di pietre vive, è preferibile metterli in quarantena in un altro acquario per individuare gli intrusi nocivi ed eliminarli. In caso di presenze di nemici per i cavallucci marini (stress, con possibilità di morte rapida in caso di agressione).

  • All'arrivo lasciare il sachetto a galla per un tempo di adattamento prima di introdurre i cavallucci marini, e prima di mischiare l'acqua dell'acquario a quella del sachetto con l'acqua d'arrivo di 20 min circa. Gettare l'acqua del sachetto d'arrivo, all'indroduzione definitivamente. Non introdurre quest'acqua nell'acquario.
  • Quarantena di 2 o 3 settimane.
  • Se possibile l'introduzione nell'acquario si fa di notte (oppure spegnere la luce dell'acquario). Bisogna che i cavallucci marini possano esplorare il loro nuovo ambiente in pace.
  • Non alimentare lo stesso giorno.
  • Lasciare i cavallucci marini tranquilli quanto più possibile per le prime settimane, ma in constante sorveglianza di ció che succede in tutta discrezione per diagnosticare eventuali problemi.
  • Fare un alternanza dei prodotti alimentari vivi e congelati. Arricchire l'acqua della vasca con delle vitamine e degli oligoelementi. Fate attenzione a un buon assorbimento dei prodotti alimentari proposti.
  • Essere delicati e calmi quando si svolge la pulizia dell'acquario e disturbare al minimo i cavallucci marini. Da evitare assolutamente di toccarli, oppure di spalancare il naso sul vetro dell'acquario, almeno per i primi tempi.
Bisogna ricordare che una buona acclimatazione è uno dei certi fattori di successo. Bisogna prendere tutta la cautela possibile e il tempo necessario, e di lasciare il tempo ai cavallucci marini di adeguarsi, e di trattarli con pazienza e delicatezza.

Pagina principale Acquario Mantenimento L'allevamento Plancton La malattia Specie Acqua dolce Video Galleria Protezione Commerci/Libri Links

* Traduzione italiana Massimo

Copyright © 1999-2017   Beatrice - Switzerland   Tutti i diritti riservati. Email Disclaimer
OGNI RIPRODUZIONE PARZIALE O TOTALE DI QUESTO SITO È SUSCETTIBILE DI SANZIONI GIUDICIARI