English versionSeahorses
Version françaiseHippocampes
Versión EspagñolaCaballitos de mar
Deutsche versionSeepferdchen
Verzione ItalianoCavallucci Marini
Nederlandse verzieZeepaardjes
Versão portuguesaCavalos marinhos

sound

Cavallucci Marini

Troverete in questo sito quasi ciò che si deve sapere per un mantenimento corretto di ippocampi in acquario e per gli esperti, sull'allevamento degli ippocampi neonati.

Pagina principale
Acquario
Mantenimento
L'allevamento
Plancton
La malattia
Specie
Acqua dolce
Video
Galleria
Protezione
Commerci/Libri
Links

Mantenimento

Syngnatidi a bande
© immagine 28 Syngnatidi a bande
Cavalluccio marino
© immagine 64 Cavalluccio marino
Occhi
© immagine 43 Cavalluccio marino occhi
Testa
© immagine  41 Cavalluccio marino testa
Scheletro
© immagine 40 Cavalluccio marino<br>scheletro
Dettagli maschile
© immagine 52 Cavalluccio marino<br>dettagli maschile
Dettagli femminile
© immagine 53 Cavalluccio marino<br>dettagli femminile

La dimensione ed il colore dei cavalli di mare variano in funzione delle molte specie e sottospecie esistenti che sembrano contarsi in circa 60 per il hippocampus; di 2,5 cm di lunghezza per il nano-pigmeo del golfo, a 35 cm per l'ippocampo gigante del Pacifico. In Europa, raggiungono quasi 15 cm al massimo. Sono una famiglia di syngnathidae che comprende circa 220 specie. La loro durata di vita è ritenuta tra i 2 ed i 4 anni in acquario. In ambiente marino, vive normalmente tra la superficie ed i fondi poco profondi, vicino alle alghe e agli erbari, la loro vita sarebbe da 5 a 7 anni a seconda delle specie.

Comperate soltanto gli ippocampi proposti nei commerci acquariofili o presso allevatori privati che sono già abituati con l'acquario ed ai prodotti alimentari palliativi (ad esempio hippocampus-hippocampus, erectus, guttulatus, histrix, kuda, reidi,) Generalmente altre specie rifiutano di alimentarsi in cattività di prodotti alimentari palliativi o non si adattano semplicemente, cosa che richiederebbe di alzare o potere procurarsi dei prodotti alimentari vivi in ogni punto identici a quella che trovino nel loro ambiente naturale.

Quando comperate ippocampi in commercio, fate attenzione che abbiano una pancia rotonda (pancia non scavata, segno di malattia o di mal-nutrizione) che vi confermano che si nutriscono bene e soprattutto con la stessa alimentazione alla quale sono abituati. Osservate il loro comportamento che deve essere completamente normale, che non ci sia nessuna anomalia sul corpo, sugli occhi ecc. (vedere capitolo della malattia). Non comperate un nuovo nato, aspettate sempre un minimo di 3 settimane. Invece se vedete una coppia non li separate, comperare i due, vi saranno riconoscenti.

Inoltre, bisogna informarsi bene sulla compatibilità ed i bisogni delle speci prima di mescolare la popolazione di cavallucci marini in una vasca.

Lo scheletro, costituito di una colonna vertebrale, non è molto diverso da quello degli altri pesci, eccetto per alcune particolarità proprie, che danno all'ippocampo la sua altezza e posizione uniche. È coperto da placche dermiche che lo proteggono e formano un'armatura che si sostituisce alle scaglie dei pesci. L'ippocampo possiede due pinne laterali con le quali si dirige, una piccola caudale per muoversi e spostarsi verso il basso che contribuisce all'equilibrio. La sua coda che in tempo normale serve a tenersi, è utilizzata come bilanciere in caso rovesciamento. Ha soltanto un rene ed è sprovvisto di stomaco. Il maschio ha una tasca incubatrice esterna, visibile fin dall'età di 5 o 6 mesi per chi ha l'occhio esercitato, che permette fra l'altro il riconoscimento dei due sessi. L'aspetto del suo torace è liscio, mentre quello della sua compagna è in denti di sega. La loro testa è piazzata in angolo diritto rispetto al corpo e termina con una museruola tubolare senza denti che permette di aspirare le prede. La lunghezza e l'apertura di quest'organo è molto variabile secondo il tipo. Più è piccolo, più grande è la difficoltà di assunzione di prodotti alimentari, soprattutto nei nostri acquari. Fornito di una visione molto sviluppata, è capace di scorgere la minuscola e può azionare i suoi due occhi in modo completamente indipendente, uno a destra, l'altro in fondo ad esempio. Questa facoltà preziosa gli permette di situare simultaneamente un pericolo eventuale, fare e/o osservare altre cose. L'ippocampo è dotato di un udito sviluppato, anche il suo odorato è buono. Comunica con suoi simili emettendo suoni impercettibili all'orecchio umano. Le vibrazioni così causate possono, cosi, essere percepite quando tiene il proprio corpo tra due dita (questo tipo di manipolazioni è da evitare eccetto in caso di necessità imperativa, cioè quando occorre fare uscire un ferito dell'acqua per disinfezione) ed ancora è meglio lasciare la parte respiratoria nell'acqua (testa). Ha anche la possibilità di adattare, o a volte modificare il suo colore in funzione dell'ambiente dove evolve e/o al gradimento del suo umore, questo per proteggersi dai predatori, secondo alcuni e secondo altri, fuorviare le prede ambite. Ciò che è certo è, che in acquario, ha tendenza ad oscurarsi in caso di sforzo o quando è disturbato, mentre soddisfatto o durante la parata d'accoppiamento, si chiarisce abbastanza o fortemente.

Alimentazione

Artemia
©  immagine 14 Artemia
Il pasto
©  immagine 71 Cavalluccio marino<br>il pasto
Mysis
©  immagine 15 Mysis

Ecco dunque una difficoltà per l'acquariofilo che dispone soltanto di ciò che è presente in commercio o deve allevare da solo dei prodotti alimentari vivi. I cavalli di mare si nutrono soprattutto
di plancton e di piccoli crostacei nel loro contesto abituale.

Buon per noi, in cattività , accettano prodotti alimentari palliativi vivi o congelati (parti da scongelare prima della distribuzione e non distribuire succo), principalmente si tratta degli artemias salinas. I mysis e i ciclopi sono normalmente anche di loro gusto. Quanto ai krills ed alle dafnie, le mangiano soltanto se la larghezza della loro bocca lo permette loro, ma non è apparentemente cosi attraente. I micro-vermi saranno forse tollerati da alcuni. Quando un nuovo pensionante è acquisito, occorre abituarlo gradualmente a questo modo d'alimentazione, cosa che del resto dovrebbe già essere tentata dal deposito. La frequenza di distribuzione di prodotti alimentari è di 2 volte al giorno. Una ventina di prede al giorno per un solo individuo sembra bastare a mantenerlo in forma. Naturalmente, se ne riceve di più, non se ne lamenterà , ma attenzione all'inquinamento. Gli stessi prodotti alimentari possono anche essere dati vivi di tanto in tanto: contributo supplementare in vitamine e saranno felici.

Se non sieste troppo sensibili, è possibile distribuire loro di tanto in tanto gamberetti vivi "palaemonetes" di cui succhiano soltanto il sangue. In occasione della caccia, i cavallucci marini formano un cerchio attorno al crostaceo e, con una strategia che è loro propria, vanno fino ad uccidere l'animale prima di svuotarlo. Potete anche dare piccoli guppy.

Per quanto riguarda i syngnatidi a bande (doryrhamphus dactyliophorus ad esempio) occorrono loro ricci di mare e pietre vive nell'acquario. Si alimentano difficilmente dei prodotti alimentari palliativi proposti. Spesso accettano gli artemias (di piccole dimensioni o lave), i ciclopi o altri copepodi e amfipodi). Quante volte nutrirli ? Anche 2 volte al giorno (Norme di mantenimento = identici a quelle dei cavallucci marini).

Il momento dei pasti è atteso con una grande impazienza. Si raccolgono dinanzi al vetro dell'acquario muovendosi in modo più vivace del solito. Soddisfatti, la calma abituale riprende il suo corso. Se persistono a comportarsi nello stesso modo dopo la distribuzione, la quantità data può risultare insufficiente. Pensiamo che si tratta di animali che passano la loro giornata mangiando quando sono nel loro ambiente abituale e che non occorre esagerare, le nostre vasche potendo contenere soltanto una quantità di rifiuti ragionevole. L'alimentazione è un momento importante nella vita degli ippocampi, bisogna fermare le pompe durante i pasti.

È difficile sapere ogni quanto tempo un ippocampo adulto ha bisogno di mangiare e quali possono essere le ripercussioni sul suo organismo. Un termine da 2 a 3 giorni sembra ragionevole sempre che sia stato correttamente nutrito in anticipo e che sia in buona salute. MA SI SCONSIGLIA VIVAMENTE. Un ippocampo deve potere mangiare regolarmente. Tutto dipende anche, se trova prede nell'acquario o no ed in quale quantità . Oltre questo termine, un indebolimento può verificarsi con le conseguenze che ne derivano. Ad ogni modo, si comporterà meglio chiaramente e ve ne sarà riconoscente se mangia sempre secondo le sue esigenze. Occorre ricordarsi, che in mare, i cavallucci marini passano le loro giornate mangiando tutto ciò che passa loro sotto il becco. Un ippocampo sottoalimentato è triste ed infelice!

Durante i pasti gli adulti e i piccoli possono soffocarsi, occorre sempre sorvegliarli (vedere capitolo l'allevamento - alimentazione).

Un pensionante appena arrivato si mostrerebbe molto apprensivo. Siate dunque paziente, quando avrà ripreso fiducia e che vi conoscerà, andrà fino a mangiare alla punta delle vostre dita.

Un altro fatto importante è di evitare ogni carenza in vitamine ed oligoelementi. Si suggerisce fortemente di aggiungere regolarmente all'acqua della vasca delle soluzioni liquide destinate a questo scopo (soprattutto in caso d'utilizzo di carbone, di un corsaro e/o di una lampada UV o soltanto rispetto alla mancanza di varietà di prodotti alimentari).

Comportamento & costumi, la vita in acquario

Femminile
©  immagine 29 Cavalluccio marino
Maschile
©  immagine 16 Cavalluccio marino
Maschili/Femminili
© immagine 68 Cavallucci marini<br>maschili femmilini
Males/Femelles
© immagine 67 Cavallucci marini<br>maschili femmilini
Pterapogon kauderni
© immagine 60 Pterapogon kauderni

Così come descritti in queste pagine, i cavallucci marini sono molto fragili e paurosi in particolare quando arrivano in una nuova abitazione. Hanno tendenza a considerarli come un pericolo potenziale e cercano di nascondersi, si fissano ad un elemento e non si muovono più. Questa situazione può durare per alcune ore o alcuni giorni. I maschi di natura sono ancora più riservati e diffidenti. Occorre, tutto sommato, vigilare che si nutrano più o meno normalmente e soprattutto trattarli con morbidezza. La quarantena è naturalmente di rigore.

Una volta abituati, andranno e verranno senza troppo preoccuparsi del resto. Nuotando alla verticale, si avvicinano a voi appena vi scorgono (in particolare quando hanno fame) e danno prova di una grazia naturale arrotolando la loro coda ed effettuando ciò che si potrebbe comparare ad una danza, un modo come un altro per incantare l'osservatore o un partner sessuale. Sembrano anche sensibili alla voce umana.

Durante il giorno, esplorano i fondi alla ricerca di prodotti alimentari, girano nell'acquario, si intrecciano con la coda o dormono. Un ippocampo ha anche la capacità di nuotare alla rovescia, constatato piuttosto nel maschio, sia perché ha uova nella sua tasca (troppo in grande quantità e/o associato con un po' di aria), sia per ricreazione (piuttosto gli avannotti), o anche per scorgere meglio i piccoli animali sul suolo pur muovendosi. Le femmine apprezzano meno questo modo di spostamento. Tuttavia, se l'individuo interessato non si fidasse del posto nel giro di alcuni giorni , un problema così come una malattia, potrebbe forse può essere la causa.

Di natura molto calmi e tranquilli, non gradiscono affatto i miscugli di popolazione. Una vasca destinata agli ippocampi deve preferibilmente comportare soltanto animali della stessa famiglia. Qualsiasi pesce, eccetto una o due specie, ad esempio lo pterapogon kauderni (molto calmo e vivo in piccoli banchi abbastanza sciolti) deve essere evitato, poiché troppo turbolento e rapido, cosa che non soltanto sottolinerà i vostri ospiti, ma causerà in più un problema d'alimentazione. In effetti, un pesce assorbe tutti i prodotti alimentari in modo ultra rapido, mentre l'ippocampo prende tutto il suo tempo. Non sopporterà probabilmente questo stile di concorrenza. Alcuni invertebrati sono anche sconsigliati o da inserire con prudenza, poiché possono catturare, ferire più o meno seriamente e/o disturbare i cavallucci marini. Esempio: un gamberetto stenopus, normalmente relativamente inoffensivo ed anche utile per la pulizia da parassiti dei pesci, ha passato il suo tempo a sorvegliare e ad attaccare gli abitanti della vasca ed è arrivato fino ad uccidere il mio syngnathes a bande (doryrhamphus dactyliophorus) tentando di tagliarlo in due.

Fatto per vivere in piccoli gruppi, sembra bene che affinità particolari si creino tra ippocampi maschi e femmine e/o nell'ambito dello stesso sesso. Occorre dunque osservare ed evitare, per una ragione o un'altra, di separare due o più individui. Quello o coloro che restano possono subire le conseguenze con uno sforzo considerevole o con un rifiuto di alimentarsi. Tale è a volte il caso in occasione della scomparsa accidentale di uno dei loro.

I nuovi arrivi possono avere difficoltà ad integrarsi. Alcuni cavallucci marini molto socievoli, come lo vuole la loro natura, li accettano senza riserve. Altri non lo vedono di quest'occhio (le femmine più specialmente, dovuto al desiderio dei favori dei maschi, ma come in qualsiasi gruppo, ci possono essere argomenti di ogni sesso difficili). In tale caso, osservano lungamente gli intrusi dondolando da destra a sinistra o girando intorno (nello stesso modo in cui osservano una preda) e tramite la loro museruola danno colpi ai loro futuri lavoratori. Possono anche fare finta di ignorarli e furtivamente, più o meno spesso, infliggere loro lo stesso trattamento. Il solo mezzo in occasione di conflitti, é separare gli attaccanti degli attaccati nell'ambito dello stesso acquario, per abituarli gradualmente gli uni agli altri. In caso di fallimento, rinunciate a qualsiasi nuova introduzione. Gli avannotti crescuti e separati troppo a lungo dai loro genitori, diventano dei perfetti sconosciuti, possono essere assoggettati alla stessa norma. È meglio dunque costituire la popolazione in una volta, poiché ciascuno sarà preoccupato dal riconoscimento del mezzo e cercherà i suoi riferimenti. Invece, se un membro dovesse essere separato per poco tempo, il ritorno dovrebbe avvenire senza strappo. Quanto ai giovani ippocampi (fino circa a 6 - 8 mesi) abituati a vivere in gruppo ed in particolare quando sono stati allevati in cattività , accolgono normalmente i nuovi venuti senza troppa riserva e senza aggressività.

Alcuni sospettano i cavallucci marini di attaccare o mangiare i loro piccoli alla nascita. Personalmente non ho mai visto i miei ospiti (200 ippocampi) attaccarsi agli avannotti neonati, né a quelli di una coppia vicina. È possibile che ciò si produca quando gli adulti sono affamati, o anche che un esemplare sia di natura con troppo aggressività. In quest'ultimo caso, non si accorderà probabilmente neppure con suoi simili.

Benché alcune persone, anche fra gli specialisti, pensino o constatino che gli ippocampi si riproducono soltanto molto difficilmente in cattività e soprattutto che l'allevamento non si conclude dei fallimenti, non sono dello stesso parere. Se ci sarà assenza totale di risultato, sono soltanto da un lato per ignoranza, per mancanza di tempo dedicato, e/o dall'altro che le numerose esigenze non sono soddisfatte. Personalmente, non possiedo soltanto animali derivati dal mio allevamento e che continuano ad accoppiarsi.

Se i vostri pensionanti si sentono perfettamente bene ed a loro agio, non avrete alcuna difficoltà ad assistere a numerosi accoppiamenti e nascite. Un ippocampo in forma è completamente pronto, come gli altri pesci, a perpetuare la vita. Certamente, non affermerei che allevare piccoli sia cosa facile, al contrario, ma è in rapporto alla malattia.

Riproduzione - Accoppiamento, nascita

Accoppiamento
© immagine 30 Cavallucci marini<br>accopiamento
Accoppiamento
© immagine 17 pancia contro pancia
Uovo
© immagine 33 Cavalluccio marino<br>uovo
Nascita
© immagine 31 Cavalluccio<br>marino nascita
Nascita
© immagine 32 Cavallucci marini<br>nascita

Un maschio non si soddisfa inevitabilmente di una sola femmina. In effetti, se quest'ultimo non produce abbastanza uova, può sollecitare un partner supplementare. Il caso più frequente è quello in cui la femmina ha troppe uova da trasmettere. Cerca una seconda portatrice (facchina), per cui necessita di avere un buono equilibrio della popolazione con una più grande presenza di maschi che di femmine, poiché possono esaurire i loro partner imponendo loro un carico troppo frequente o troppo pesante. In caso contrario, attenzione ai possibili conflitti.

Mi è capitato di leggere articoli che pretendono che i maschi, troppo esauriti dal parto, sarebbero morti quasi sempre e ciò inoltre nel loro ambiente naturale. Quest'informazione è di una grande inesattezza. Se tale fosse il caso, o la regola citata sopra non è rispettata, o l'animale è malato o diminuito per altre ragioni, o ancora troppo vecchio.

Gli cavallucci marini si riproducono normalmente alla frequenza più o meno di una volta al mese. Le stagioni propizie sono da aprile ad ottobre, ma possono prolungarsi per tutto l'anno. Tutto dipende dalle condizioni di vita, acque temperate o acque tropicali. La maturità sessuale è raggiunta intorno ai 6 mesi. Le prime volte possono non riuscire, cosi come non è stato possibile constatare. Allevati in cattività, non avranno tregua nel moltiplicarsi. La parata dell'accoppiamento degli ippocampi dura molte ore, durante le quali, il maschio emette piccoli ringhi per attirare le femmine. Effettuano insieme un rituale che somiglia ad un balletto, si intrecciano, nuotano attivamente in tutti i sensi, fanno riverenze a tutto andare. Nel corso di questa cerimonia, di grande e rara eleganza, il maschio fertilizzerà le uova prodotte dalla sua compagna. Varie volte apre la sua tasca, in modo permanente gonfiata e quasi traslucida, facendo piccoli salti, senza peraltro rallentare o abbandonare la sua ricerca nel corteggiare la sua prescelta.

Al momento stabilito, i partner si metteranno per qualche secondo pancia contro pancia. La femmina ne approfitta per inserire il suo tubo di ponte nella tasca del maschio e trasmette le sue uova. Dopo di che, il maschio mostrerà la sua soddisfazione entro alcuni secondi dondolandosi. Porterà le uova a maturazione ed in seguito gli avannotti fino al momento della loro nascita. Di conseguenza la tasca del maschio, fino a quel momento flangiata, sarà superflua e ferma, o dilatata (grande portata). Quando passerà dalla fase della rotondità, a quello con piccole gobbe, i piccoli completamente formati, non tarderanno più a venire al mondo. Con una buona luce di profilo, è possibile scorgere in trasparenza, non soltanto le uova, ma anche i futuri ippocampi. Un maschio in buona salute partorirà alla verticale, normalmente episodicamente entro lo stesso giorno. Sarà relativamente sottolineato, si piegherà in due, aprirà la sua tasca, spingerà molto, fino a che uno o più avannotti siano espulsi come un getto; (un ippocampo malato partorisce sul fondo e muore spesso dopo la liberazione dei piccoli) sembra che quest'ultimi siano protetti della malattia. Fin dalla nascita, i genitori non si occupano più della loro progenitura.

Branle basso di combattimento. Due o 3 settimane dopo l'accoppiamento (a secondo delle speci), molte decine di avannotti di circa 10 o 15 mm arrivano. I piccoli ippocampi, sono copia conforme degli adulti, in miniatura, e sono immediatamente capaci di nutrirsi. Usciti dal loro nido soffice, hanno tendenza ad avere paura i primi momenti, si riprendono e si appendono alla prima cosa che trovano. I più coraggiosi si mettono immediatamente a nuotare in modo frenetico e maldestro. I primi giorni e settimane, si applicano soltanto a perfezionare la loro tecnica di nuoto, mangiare, giocare o dormire.

Durante i primi 4 o 5 mesi, hanno la capacità di cambiare varie volte colore, passando ad esempio dal marrone al vuoto latteo, al tuorlo e viceversa. Il colore definitivo si fisserà entro 3 - 5 mesi e somiglierà , normalmente, all'incirca, a quella dei genitori. È anche possibile che uno o più avannotti scelgono di adottare un derivato duraturo, certamente per le stesse ragioni che spingono i loro maggiori a questo stile di modifiche temporanee. I vari cambiamenti si producono normalmente in una sola notte.


Pagina principale Acquario Mantenimento L'allevamento Plancton La malattia Specie Acqua dolce Video Galleria Protezione Commerci/Libri Links

* Traduzione italiana Massimo

Copyright © 1999-2017   Beatrice - Switzerland   Tutti i diritti riservati. Email Disclaimer
OGNI RIPRODUZIONE PARZIALE O TOTALE DI QUESTO SITO È SUSCETTIBILE DI SANZIONI GIUDICIARI